CALENDARIO ESAMI SESSIONE ESTIVA 2021/2022
Ammissioni 2022/2023
Candidati esami privatisti
STAGIONE ARTISTICA 2022
Corsi Pre-Accademici, Propedeutici e di Base
Corsi Accademici I e II Livello
Masterclass 2022
Scuola di Musica Elettronica
Didattica della Musica I e II Livello
Manifesto degli Studi
Erasmus
EMERGENZA CORONAVIRUS
Amministrazione Trasparente
IL 5 PER MILLE AL CONSERVATORIO DI CUNEO
ULTIME NEWS

REGOLAMENTO PRESTITO STRUMENTI
REGOLAMENTO PRESTITO STRUMENTI


BACHECA INTERNAZIONALE
Sezione Erasmus/Bacheca Internazionale 2022 Petrichor International Music Competition The second annual Petrichor International Music Competition is now open for submissions. This annual musical performance and composition contest provides support, inspiration, and exposure to instrumentalists Dettagli...


ATTENZIONE PROF. PEIRETTI ASSENTE
Sezione Bacheca - Si comunica che da mercoledì 2 Febbraio 2022 fino il Prof. MASSIMO PEIRETTI sarà assente. Le lezioni riprenderanno a partire da lunedì 7 Febbraio 2022


ADEMPIMENTI ANAC
- Adempimento ANAC 2021 PDF , XLS , XML - Adempimento ANAC 2020 PDF , XML - Adempimento ANAC 2019 PDF , XML - Adempimento ANAC 2018 PDF , XML - Adempimento ANAC 2017 PDF , XML - Adempimento ANAC 2016 PDF , XML   Dettagli...


Elenco insegnamenti con titolari 20-21
 Elenco insegnamenti con titolari 20-21



Archivio Notizie
COMUNICATI STAMPA


Da Beethoven al Novecento con l’Ensemble di fiati del Ghedini 

Giovedì 7 luglio concerto in Sala San Giovanni a Cuneo, la partecipazione è gratuita.

Giovedì 7 luglio alle ore 20.30 nella Sala “San Giovanni” (via Roma 4, Cuneo) si tiene “Da Beethoven al Novecento”, un concerto degli studenti di strumenti a fiato del Conservatorio di Cuneo. Nell’esibizione, a partecipazione gratuita e inserita nell’ambito della stagione artistica 2022, saranno proposte musiche di Beethoven, Reger, Böhme e Dvorák. Giulia Battistino (flauto) e Elisa Blengini (fagotto) si esibiranno nel Duo per fiati n. 1 WoO 27 di L. W. Beethoven; Giulia Zanza, Lara Gaudenzi (flauti) e Luisa De Marchi (fagotto) eseguiranno la Serenata Op. 141 di Max Reger; il sestetto composto da Giacomo Amico, Italo Di Benedetto, Daniel Ibarra (trombe), Emily Silvestro, Anna Evangelista (corni) e Luisa De Marchi (fagot-to) proporrà il Sestetto per trombe, Op. 30 di Oskar Böhme. Infine, Giulia Pedone, Davide Lantrua (flau-ti), Roberta Bruno (clarinetto) e Alan Giraudo (fagotto) chiuderanno l’esibizione con l’esecuzione del Quartetto n. 12 “Americano” Op. 96 di Antonin Dvorák.

Si tratta dell’ultimo appuntamento musicale del Ghedini prima della pausa estiva. Sul sito www.conservatoriocuneo.it sono disponibili i programmi dettagliati dei singoli concerti e il calendario completo della Stagione Artistica 2022.


CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

---

Il monregalese Alberto Navarra torna al Ghedini per la Festa della Musica

Venerdì 24 giugno il Conservatorio di Cuneo propone un concerto del flautista monregalese Alberto Navarra, già allievo dell’Istituto. Lo accompagna al pianoforte lo spagnolo Luis Arias.

Venerdì 24 giugno alle ore 20.30 il Conservatorio Ghedini di Cuneo propone un concerto per flauto e pianoforte con il monregalese Alberto Navarra e lo spagnolo Luis Arias, che eseguiranno la Sonata in trio BWV 525 nella versione originale per organo di Johann Sebastian Bach, la Suite op.34 di Charles-Marie Widor, la Sinfonische Kanzone op.114 di Sigfrid Karg-Elert e la Sonata in la maggiore, nella versione per flauto e pianoforte, di César Franck.

L’appuntamento, organizzato in occasione della Festa della Musica, che si celebra ogni anno intorno al 21 giugno, è un evento speciale fuori dal cartellone della Stagione Artistica 2022 del Ghedini e rappresenta un omaggio a Navarra, ex allievo dell’Istituto che si è distinto a livello internazionale. Il concerto, a partecipazione gratuita, si tiene nella Sala “Giovanni Mosca”, nei locali della sede del Conservatorio in via Roma 19 a Cuneo, nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Sul sito www.conservatoriocuneo.it sono disponibili i programmi dettagliati degli eventi musicali organizzati dal Ghedini.

Alberto Navarra è nato a Mondovì nel 1997 e ha iniziato gli studi accademici con Maurizio Valentini al Conservatorio Ghedini di Cuneo. Nel corso della sua carriera ha collaborato in qualità di primo flauto con numerosi orchestre e ensemble ed è stato vincitore di molti concorsi internazionali, come il Concorso Internazionale di flauto “Carl Nielsen” di Odense, in Danimarca, vinto nel 2022, e il Concorso Internazionale di Flauto “Severino Gazzelloni” di Pescara, vinto nel 2021. Nel 2021 è stato inoltre premiato come studente “más sobreseliente” (eccellente) dell’Escuela Superior de Música Reina Sofía di Madrid, ricevendo il premio direttamente dalle mani della Regina Sofía di Spagna. A settembre di quest’anno si unirà ai Berliner Philarmoniker come membro della prestigiosa “Karajan Akademie”. 

Nella serata al Conservatorio Ghedini lo accompagna al pianoforte Luis Arias, con cui ha inciso un CD. Arias è concertista e insegnante presso il Conservatorio Superior de Música de Aragón e presso l’Escuela Superior de Música Reina Sofía di Madrid, sua città natale.


CURRICULUM LUIS ARIAS

CURRICULUM ALBERTO NAVARRA

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

---

Tre esecuzioni della messa di Rossini e un concerto con brani di Carulli organizzati dal Conservatorio Ghedini


Lunedì 6 giugno a Cuneo, sabato 11 giugno a Mondovì e martedì 14 giugno a Busca la Petite Messe Solennelle di Gioacchino Rossini; giovedì 9 giugno “Ferdinando Carulli: un napoletano a Parigi” in Sala “Giovanni Mosca” per la stagione artistica 2022 del Conservatorio di Cuneo: gli appuntamenti sono a partecipazione gratuita.

La stagione artistica 2022 del Conservatorio Ghedini di Cuneo prosegue con due eventi che si svolgono tra lunedì 6 e martedì 14 giugno. Il primo è la Petite Messe Solennelle di Gioacchino Rossini, che viene realizzata con la collaborazione di altre istituzioni musicali, lunedì 6 giugno a Cuneo, sabato 11 a Mon-dovì e martedì 14 a Busca; il secondo è il concerto “Ferdinando Carulli: un napoletano a Parigi” che si svolge il 9 giugno a Cuneo. Gli appuntamenti, a partecipazione gratuita, si svolgono tutti alle ore 20.30, nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Sul sito www.conservatoriocuneo.it sono disponibili i programmi dettagliati dei singoli concerti e il calendario completo della Stagione Artistica 2022.

La Petite Messe Solennelle di Rossini, nella versione per soli, coro e orchestra, viene proposta lunedì 6 giugno alle ore 20.30 nella cattedrale di Santa Maria del Bosco a Cuneo (via Roma), sabato 11 giugno alle ore 20.30 nella cattedrale di San Donato a Mondovì (piazza Duomo 7) e martedì 14 giugno alle ore 20.30 nella chiesa di Maria Vergine Assunta a Busca (via Milite Ignoto 27). Si tratta del consueto progetto sinfonico-corale che il Ghedini allestisce ogni anno e vede esibirsi l’Orchestra e il coro del Conservatorio, il coro della Società Corale Città di Cuneo e la Corale Roberto Goitre di Torino. Dirige l’orchestra Gian Rosario Presutti, Massimo Peiretti è il maestro del coro. I cantanti solisti sono i soprani Fernanda Costa (nell’esecuzione di lunedì 6 giugno) e Mika Yatsugi (nelle esecuzioni di sabato 11 e mar-tedì 14 giugno), il contralto Sabrina Pecchenino, i tenori Corrado Margutti (nelle esecuzioni di lunedì 6 e martedì 14 giugno) e Filippo Pina Castiglioni (nell’esecuzione di sabato 11 giugno), il basso Dante Rober-to Muro. Si ringrazia la diocesi di Cuneo per la collaborazione all’organizzazione degli eventi.

Con questo singolare capolavoro Gioacchino Rossini tornò dopo un quarto di secolo ad impegnarsi in una composizione di ampie dimensioni, realizzandola prima in una versione per due pianoforti e armo-nium e poi in una seconda per orchestra. A lungo considerata inferiore alla prima e quindi trascurata, la versione orchestrale comincia ad essere eseguita un po’ più frequentemente. Le esecuzioni del Conservatorio vedranno una particolarità aggiuntiva: il “Preludio religioso”, nell'originale rossiniano affidato al solo organo, è stato orchestrato a cura di Roberto Beccaria, studente di Composizione e allievo di Giorgio Planesio.





Giovedì 9 giugno alle ore 20.30 nella Sala “Giovanni Mosca” del Conservatorio (via Roma 19, Cuneo) si tiene “Ferdinando Carulli: un napoletano a Parigi”, un concerto per voce e chitarra nel quale si esibisco-no i docenti del Conservatorio Barbara Zanichelli (Canto barocco) e Davide Ficco (Chitarra). L’esibizione propone alcune arie e romanze per voce femminile e chitarra della produzione di Carulli, celeberrimo compositore napoletano vissuto tra la seconda metà del Settecento e la prima metà dell’Ottocento, che gli esecutori hanno selezionato tra i titoli della integrale discografica attualmente in registrazione.

Le composizioni di Ferdinando Carulli rappresentano una pagina importante della musica colta occiden-tale, composta a quei tempi non più soltanto per il tradizionale pubblico aristocratico, ma in favore di una borghesia sempre più interessata e desiderosa di affermarsi socialmente e culturalmente anche grazie all’organizzazione di salotti musicali.



CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

-----

C’è ancora un mese di tempo per iscriversi ai corsi del prossimo anno accademico del Conservatorio Ghedini di Cuneo

La scadenza è stata prorogata al 15 giugno; gli esami di ammissione si terranno a settembre.

C’è tempo fino a mercoledì 15 giugno per iscriversi ai corsi dell’anno accademico 2022-23 del Conservatorio Ghedini di Cuneo. Gli interessati dovranno presentare la propria domanda online, utilizzando il portale nazionale Isidata (Servizi per gli studenti - Istituti di Alta Cultura – Conservatori) raggiungibile all’indirizzo https://servizi12.isidata.net/SSDidatticheco/MainGeneraleRes.aspx e dove sarà possibile allegare in via telematica la documentazione richiesta, che quindi non occorre consegnare in segreteria. Ulteriori informazioni possono essere richieste all’indirizzo di posta elettronica segreteriadidattica@conservatoriocuneo.it o telefonicamente, tra le ore 10 e le ore 11 di lunedì, mercoledì e venerdì, al numero 0171.693148.

«Il Conservatorio Ghedini è pronto ad accogliere i nuovi studenti – dichiara il presidente, Mattia Sismonda – con una proposta didattica ampia e articolata, garantita da un corpo docente di altissima professionalità e capacità. Lo studio della musica è un modo per riappropriarsi di un retaggio culturale internazionale e proveniente da varie epoche storiche, che può favorire non soltanto un potenziamento delle proprie capacità artistiche ma anche una vera e propria crescita personale».

La data di scadenza per le nuove iscrizioni, originariamente fissata allo scorso 15 maggio, è stata prorogata di un mese in ragione dell’elevato numero di richieste di informazioni per l’iscrizione pervenute presso la segreteria dell’Istituto nei giorni scorsi.

Gli esami di ammissione si svolgeranno dal 5 al 10 settembre 2022: il calendario sarà affisso all’albo del Conservatorio e pubblicato sul sito www.conservatoriocuneo.it. Non verranno inviate comunicazioni personali.



-----

Un incontro con il compositore e una serata con la regina delle fate: prosegue la Stagione Artistica del Conservatorio Ghedini di Cuneo

Martedì 24 maggio “Corde vuote” in Sala “Giovanni Mosca”; giovedì 26 maggio “Purcell: The Fairy Queen” al Teatro Toselli di Cuneo: gli appuntamenti sono a partecipazione gratuita.

Martedì 24 e giovedì 26 maggio il Conservatorio Ghedini di Cuneo organizza due eventi nell’ambito della sua Stagione artistica 2022. Martedì 24 si tiene “Corde vuote”, incontro con Francesco Filidei con intermezzi musicali degli studenti; giovedì 26 va in scena “Purcell: The Fairy Queen”, a cura dei docenti del Dipartimento di Musica Antica. Gli appuntamenti, entrambi a partecipazione gratuita, si svolgono alle ore 20.30, nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Sul sito www.conservatoriocuneo.it sono disponibili i programmi dettagliati dei singoli concerti e il calendario completo della Stagione Artistica 2022.

Martedì 24 maggio alle ore 20.30 nella Sala “Giovanni Mosca” del Conservatorio (via Roma 19, Cuneo) si tiene “Corde vuote”, un incontro con l’organista e compositore di fama internazionale Francesco Filidei, ospite del Ghedini per una masterclass dal titolo “Comporre oggi” nei giorni di lunedì 23 e martedì 24 maggio. Lo intervista Giangiorgio Satragni, musicologo e docente di Storia della Musica del Conservatorio Ghedini. Nel corso della serata si tengono alcuni interventi musicali con l’esecuzione di brani composti da Filidei, a cura delle classi di pianoforte (Emanuele Torquati) e musica da camera (Francesca Gosio) del Conservatorio Ghedini.

Francesco Filidei, classe 1973, è nato a Pisa e ha studiato al Conservatorio di Firenze e al Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi. Dopo aver partecipato ai più importanti festival di musica contemporanea ed essersi esibito con prestigiose orchestre internazionali, nel 2016 è stato nominato Chevalier des Arts et des Lettres dal Ministero della Cultura francese e dal 2018 è consulente musicale della fondazione I Teatri di Reggio Emilia e direttore artistico del festival di musica contemporanea Controtempo di Villa Medici a Roma.






Giovedì 26 maggio alle ore 20.30
presso il Teatro Toselli (via Tosellli 9) gli studenti di Canto Barocco, l’orchestra del Laboratorio di Musica Antica e l’Ensemble Vocale del Conservatorio portano in scena “Purcell: The Fairy Queen”, intermezzi d’opera in forma semiscenica per soli, coro e orchestra tratti da “The Fairy Queen”, La regina delle fate, composizione del 1692 di Henry Purcell. L’opera di Purcell è un’adattamento della commedia “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare e la sua musica, dalle armonie particolari e dall’elevata vitalità, rappresenta un mix ideale tra passato e presente, scelto per sperimentare la prassi barocca degli allievi del Conservatorio attraverso un progetto pratico ed ambizioso. I cantanti solisti sono Barbara Zanichelli e Alberto Jona; l’orchestra del Laboratorio di Musica Antica è diretta da Marco Crosetto e il Maestro del coro è Elena Camoletto.



CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA DI SALA

-----

Pianoforte e voce, musica jazz: due concerti per avviare la Stagione Artistica del Conservatorio Ghedini di Cuneo

Sabato 23 aprile si tiene “Ecologiconcerto”; giovedì 28 aprile salirà sul palco il quartetto Tynerly: gli appuntamenti, a partecipazione gratuita, si svolgeranno nella Sala “Giovanni Mosca” in via Roma 19 a Cuneo.

Sabato 23 e giovedì 28 aprile il Conservatorio Ghedini di Cuneo organizza due concerti nell’ambito della sua Stagione artistica 2022 e in collaborazione con due importanti festival piemontesi. Sabato 23 alle ore 17 si tiene “Ecologiconcerto”, con l’esibizione del Duo Alterno; giovedì 28 alle ore 20.30 salirà sul palco il quartetto Tynerly con un concerto jazz dedicato al pianista e compositore afroamericano McCoy Tyner. Gli appuntamenti, entrambi a partecipazione gratuita, si svolgeranno nella Sala “Giovanni Mosca”, nei locali della sede del Conservatorio in via Roma 19 a Cuneo, nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Sul sito www.conservatoriocuneo.it sono disponibili i programmi dettagliati dei singoli concerti e il calendario completo della Stagione Artistica 2022.

Sabato 23 aprile alle ore 17 il Duo Alterno, composto dalla soprano Tiziana Scandaletti e da Riccardo Piacentini al pianoforte propone “Ecologiconcerto”, un concerto di musica classica con brani di compositori contemporanei (Roberta Vacca, Riccardo Piacentini, Vito Palumbo, Cathy Berberian e John Cage) realizzato in co-produzione con il festival Alta Pressione - Musiche in Mostra al presente dell’Associazione Rive Gauche Concerti. L’esibizione del duo sarà inframmezzata da brevi interventi musicali a cura di Gianluca Verlingieri e degli studenti compositori del METS - Dipartimento di musica elettronica del Conservatorio Ghedini, che hanno lavorato su frammenti di brani del Duo Alterno rielaborandoli elettronicamente. Il concetto di riuso e rielaborazione è anche la chiave portante del concerto, che propone un messaggio ecologico e di sostenibilità ambientale.



Giovedì 28 alle ore 20.30 il quartetto Tynerly (Luigi Bonafede, pianoforte; Piero Odorici, sax tenore e soprano; Marco Micheli, contrabbasso; Enzo Zirilli, batteria) si esibisce in un concerto jazz omonimo, dedicato al pianista e compositore afroamericano McCoy Tyner, musicista che ha scritto la storia del jazz prima nel quartetto di John Coltrane e poi con la sua lunga carriera da leader. L’appuntamento è realizzato in collaborazione con il festival Jazz Vision, diretto da Luigi Martinale. Il quartetto ripercorrerà le composizioni di McCoy Tyner, sempre differenti tra loro ma dal marchio inconfondibile, composto da un forte e personale senso della melodia e dell’armonia. Il nome della formazione musicale rimanda al titolo di un album di Tyner, Tender Moments, e al famoso standard Tenderly.



«Il Conservatorio non è solo sede di insegnamento – dichiara il presidente, Mattia Sismonda – ma il luogo dove la musica si esegue, si interpreta e si ascolta; l’attività artistica costituisce infatti, insieme alla didattica, l’elemento determinante per diffondere all’esterno quello che si studia e si sperimenta nei percorsi di studi. La programmazione concertistica della Stagione Artistica 2022 – finalmente di nuovo in presenza dopo una lunga e forzata sospensione – sarà ricca e variegata, di grande valore artistico-culturale e richiamerà sul nostro territorio appassionati di differenti generi e stili musicali».

«Dopo due anni di silenzio, di innaturale amputazione della sua componente sociale, dialogica, la musica riprende spazio e voce –
aggiunge il direttore, Alberto Borello –. Le nubi scure che affollano il cielo in questo periodo rendono difficile pensare, senza il candore del Principe Myškin, che la bellezza possa ‘salvare il mondo’; ma anche se salvare il mondo fosse un compito troppo impegnativo, senza l’arte ci sentiremmo irrimediabilmente più soli e infreddoliti».

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

-----

Concerti, installazioni, workshop, conferenze: a Cuneo un festival europeo dedicato alla creatività

Da venerdì 8 a mercoledì 13 aprile si svolge a Cuneo, in tre sedi (Sala Mosca del Conservatorio Ghedini, via Roma 19; Ex Caserma Cantore, via Pascal 9; VARCO Auditorium Foro Boario, via Pascal 5C), il METS FEST 2022 - Music on the (w)edge, Festival Europeo di Creatività Digitale.

L’evento, unico appuntamento in Italia del progetto EASTN-DC European Art-Science-Technology Network for Digital Creativity dell’Unione Europea che vede collaborare un partenariato di 14 enti musicali europei e 3 americani, è organizzato dal METS, il Dipartimento di Musica Elettronica e Tecnica del Suono del Conservatorio G. F. Ghedini di Cuneo, ed è incentrato sui rapporti tra arte, scienza e tecnologia nell'ambito della creatività digitale a più livelli: l’intelligenza artificiale, i rapporti tra musica elettronica e arti plastiche, le nuove tecniche esecutive degli strumenti musicali, la liuteria virtuale e gli strumenti “aumentati”. Sono in programma 8 concerti e performance, 7 installazioni, 6 workshop e altri eventi; la partecipazione agli appuntamenti è libera.

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN FORMATO PDF

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA IN FORMATO PDF



Torna indietro