Ammissioni 2019/2020
Candidati esami privatisti
Corsi per il Conseguimento dei 24 CFA
Corsi Pre-Accademici, Propedeutici e di Base
Corsi Accademici I e II Livello
Manifesto degli Studi
Didattica della Musica I e II Livello
Scuola di Musica Elettronica
Erasmus
Masterclass 2019
Stagione artistica 2019 - Primavera
ULTIME NEWS

Documenti per Studenti Stranieri
Documenti necessari per studenti stranieri Alcuni documenti sono indispensabili per l'organizzazione e la regolarità del soggiorno in Italia. Per facilitarti abbiamo sistemato le informazioni in una sequenza che ti suggeriamo di seguire: richiedi i documenti nell'ordine in cui sono riportati Dettagli...



Archivio Notizie
Prof. Valeriani Paolo Docente a contratto

Paolo Valeriani compie gli studi musicali presso il Conservatorio “G.B.Pergolesi” di Fermo conseguendo la pagella d’Oro di merito. Si perfeziona inoltre presso il Conservatorio Superiore di musica di Amburgo con il M° Holtzel. Ha partecipato alle Masterclass dei Maestri D. Clevenger, R. Vlatkovic, A. Allegrini, J. Williams, D. Stagni, B. Schneider, Froydis Ree Wekre.

Nel 2001 vince il concorso per 1°corno nell’Orchestra Sinfonica “G. Verdi” di Milano diretta dal M° R. Chailly; ruolo che ricopre fino al 2003. Nel 2002 viene scelto dal M° R. Muti per ricoprire il ruolo di 1° corno nell’Orchestra Cherubini, ruolo che ricopre fino al 2004. Dal 2004 al 2007 ricopre il ruolo di 3° corno nell’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini diretta dal M° Lorin Maazel. Dal 2007 al 2015 collabora come 2° corno nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nella rispettiva Filarmonica.
Ha effettuato Tournee in: Stati Uniti, Francia, Spagna, Germania, Turchia, Russia, Marocco, Brasile, Argentina, Cile, Venezuela, Thailandia, Giappone, Cina, Corea.
Nel 2007 vince il 3° premio al Concorso Internazionale “D. Ceccarossi” di Orsogna.
Nel 2016 vince il Concorso per 2° corno nell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, ruolo che ricopre fino ad oggi.
Dal 2019 è docente della classe di corno presso il Conservatorio G. Ghedini di Cuneo.

Torna indietro