ESAMI SESSIONE AUTUNNALE A.A. 2016/2017
Iscrizioni e Reiscrizioni 2017/2018
Graduatorie Idonei
Manifesto degli Studi
Corsi Pre-Accademici
Corsi Accademici I e II Livello
CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEI 24 CFA
Masterclass 2017
Libretto Stagione Artistica 2017
Amministrazione Trasparente
ULTIME NEWS

BANDO ERASMUS 2017/2018
Il programma ERASMUS+ prevede la possibilità per gli studenti iscritti ai corsi delle Istituzioni di Alta Formazione (HEI – Università, Accademie di Belle Arti, Conservatori) di effettuare una parte riconosciuta del proprio ciclo di studi presso una analoga Istituzione universitaria Dettagli...


COMUNICATO STAMPA - Una sera per Marco in occasione dell’Illuminata 2017 21 LUGLIO 2017
Una sera per Marco ATTENZIONE! Si avvisa il pubblico che, viste le avverse condizioni meteo, il concerto di musica pop "UNA SERA PER MARCO", organizzato in occasione dell'Illuminata 2017, previsto in via Roma è spostato all'interno del Conservatorio - Sala "Giovanni Mosca" Dettagli...


CORSI PRE-ACCADEMICI
PROGRAMMI DI STUDIO DEI CORSI PRE-ACCADEMICI: TUTTI I PROGRAMMI DISPONIBILI PIANI DI STUDIO DEI CORSI PRE-ACCADEMICI: PIANI DI STUDIO REGOLAMENTO DEI CORSI PRE-ACCADEMICI: REGOLAMENTO INFORMAZIONI GENERALI A partire dall’anno accademico 2012 – 2013 entrerà Dettagli...


CORSI ACCADEMICI DI I E II LIVELLO
CORSI ACCADEMICI DI I LIVELLO ----- CORSI ACCADEMICI DI II LIVELLO ----- DISCIPLINE A SCELTA I E II LIVELLO   Dettagli...



Archivio Notizie
Prof.ssa Santarelli Cristina Docente di ruolo

Cristina Santarelli, storia ed estetica della musica

 

Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Torino e diplomata in pianoforte, ha insegnato Storia ed Estetica della Musica al Conservatorio Statale di Musica "G. Verdi" di Milano e successivamente al Conservatorio "G. F. Ghedini" di Cuneo, dove si trova tuttora in servizio.

Dall'anno accademico 1998/99 al 2001/02 è stata ‘professore a contratto’ per l'insegnamento di Storia della Musica Medievale e Rinascimentale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino (corso di laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo). Nel 2014 ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale alle funzioni di professore universitario di seconda fascia.

Membro del RIdIM - Répertoire National d’Iconographie Musicale e dell’International Study Group on Musical Iconography (affiliato all’International Musicological Society), collabora inoltre stabilmente con l’Università Complutense di Madrid e con il Research Center for Music Iconography della City University di New York. Responsabile del settore ‘Iconografia Musicale’ presso l'Istituto per i Beni Musicali in Piemonte (di cui è Presidente dal 2013), dal 2002 è impegnata in un progetto di catalogazione dei beni artistici di interesse per la disciplina presenti sul territorio.

Nel 2003 ha fondato i Corsi annuali di Iconografia Musicale, tenutisi fino al 2006 a Saluzzo presso la sede dell’Istituto e dal 2007 trasferiti presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino. In possesso di DELE (Diploma de Español como Lengua Extranjera), nel 2010 ha tenuto due masterclass rispettivamente all’Università di Oviedo e all’Universidade Nova di Lisbona.

Sempre dal 2010, è referente della Regione Piemonte all’interno del gruppo di lavoro per la scheda ‘Beni Strumenti Musicali’ costituitosi presso l’ICCD (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Roma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali).

Fa parte del comitato editoriale della rivista “Music in Art” edita dal Research Center for Music Iconography (CUNY) e della serie "Studies in Music, Dance and Theatre Iconography" (Wien, Hollizer Wissenschaftsverlag). Nel 2011 ha organizzato in collaborazione con l’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte il IV congresso annuale dello Study Group on Musical Iconography (IMS) e nel 2014 il XII convegno dell’ICTM Study Group for the Iconography of the Performing Arts, di cui è vice-presidente dal 2014.

Il suo ambito di indagine riguarda da un lato il Piemonte e gli antichi stati sabaudi, dall’altro le avanguardie figurative del Novecento.


Torna indietro