Corsi Pre-Accademici
Corsi Accademici I e II Livello
CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEI 24 CFA
Manifesto degli Studi
Graduatorie Idonei
Iscrizioni e Reiscrizioni 2017/2018
Masterclass 2017
Amministrazione Trasparente
ULTIME NEWS

SCRIVERE DI MUSICA DAL VIVO - Premio di critica musicale per le generazioni dell'era di internet
Sezione Bacheca - Ascoltare la musica, soprattutto la musica di tradizione d’arte, non è solo un divertimento, non un’attività puramente passiva, ma un’azione intellettuale e un esercizio di cultura. A maggior ragione ciò vale per lo scrivere di musica. Il Dettagli...


COMUNICATO STAMPA - La colonna sonora che non c' 16 OTTOBRE 2017
La colonna sonora che non c’è Zaza Desiderio – batteria Yuri Goloubev – contrabbasso Luigi Martinale – pianoforte Concerto realizzato in collaborazione con Jazz Visions Giovedì 26 ottobre 2017 ore 21.00 Cuneo, Conservatorio statale di musica “G.F. Dettagli...


COMUNICATO STAMPA - Il musicista-atleta: una macchina complessa 19 OTTOBRE 2017
Il musicista-atleta: una macchina complessa Concerto realizzato in collaborazione con LISIN-Laboratorio di Ingegneria del Sistema Neuro muscolare, Politecnico di Torino e Varie furniture, Progetto “Lagrange” Con la partecipazione del prof. Roberto Merletti e dell’ing. Alessandro Dettagli...


COMUNICATO STAMPA - Melodie del rinascimento: nel cuore della terra 21 OTTOBRE 2017
Melodie del Rinascimento: nel cuore della terra Sabato 21 ottobre 2017 ore 21.00 Grotte di Bossea - Ingresso a pagamento Maglione pesante e scarpe ben chiuse, un giaccone per proteggersi dall’umidità: ci sono 9 gradi nelle Grotte di Bossea, ma c’è musica d’alto Dettagli...



Archivio Notizie
COMUNICATO STAMPA - Aimez-vous Brahms? 22 GIUGNO 2017

Aimez-vous Brahms?

Giovedì 22 giugno 2017 ore 21.00 – Ingresso libero

Cuneo, Conservatorio statale di musica “G.F. Ghedini”

Sala concerti “Giovanni Mosca”

Musiche di J. Brahms



a musica per sedurre, un concerto per conquistare. Così pensava Anthony Perkins, nei panni di Philip, quando per fare breccia nel cuore della bella Paula, interpretata da Ingrid Bergman, invita la donna a un concerto alla Salle Pleyel. In programma: pagine di Johannes Brahms.

Da qui il titolo del celebre film Le piace Brahms?, storia di un triangolo amoroso tra una indipendente quarantenne che sovrappone, a quella con un imprenditorie infedele, la storia con un giovane amante sognatore e insicuro. Tutta la vicenda si snoda attorno alle note del Poco allegretto tratto dalla Terza sinfonia di Brahms: un Brahms che segue l’intera vicenda dei personaggi trasformandosi di volta in volta, grazie agli arrangiamenti di George Auric, in un sottofondo denso di emozioni e in continuo cambiamento.

I toni e gli accenti di una ‘musica alta’ e appassionante il pubblico cuneese li potrà ritrovare nel

concerto organizzato dal Conservatorio statale di musica “G.F. Ghedini” giovedì 22 giugno 2017 alle ore 21.00 dal titolo Aimez vous Brahms?. Protagonisti della serata alcuni dei più brillanti talenti del Ghedini – Federico Macagno, clarinetto; Lidia Mosca, violoncello; Clara Dutto, pianoforte – impegnati nell’esecuzione di una delle pagine più raffinate della produzione cameristica brahmsiana: il Trio in la minore op. 114 (Allegro, Adagio, Andantino grazioso, Allegro).

Accanto a loro un ospite d’eccezione: il mezzosoprano Alessandra Andreetti. Un’artista che vanta una brillante carriera realizzatasi in vari allestimenti operistici italiani (Fondazione Arena di Verona, Teatro Lirico Sperimentale e Caio Melisso di Spoleto, Teatri di Adria, Ferrara, Milano, Padova, Perugia, Verona, ecc.) ed esteri (Euroclassik Pirmasens, Giappone ).

Al pianoforte Giuseppe Giusta, docente del Conservatorio di Cuneo e apprezzato interprete che ha tenuto concerti in Italia e all’estero come solista, in varie formazioni da camera, come direttore d’orchestra e come pianista dedito al repertorio vocale, lirico e cameristico. Il duo affronterà alcune delle pagine più raffinate della produzione liederistica del grande maestro di Amburgo.

Non porta alcun giovamento la musica di Brahms ai protagonisti del celebre film: infiamma i loro animi, ma non compie il miracolo. Porterà sicuramente sollievo, invece, agli appassionati di musica che affolleranno la Sala Concerti “Giovanni Mosca”: infatti da molto tempo manca dalle scene del Ghedini il repertorio liederistico di Johannes Brahms. Un’occasione da non perdere, quindi, per ascoltare musica di profonda intensità e di raffinata scrittura.

Torna indietro