Erasmus
Ammissioni 2018/2019
Calendario Esami Sessione Autunnale 17 18
Candidati esami privatisti
Didattica della Musica I e II Livello
Musica Elettronica I e II Livello
Manifesto degli Studi
Masterclass 2018
Stagione Artistica Estate-Autunno 2018
Corsi Pre-Accademici
Corsi Accademici I e II Livello
CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEI 24 CFA
Iscrizioni e Reiscrizioni 2017/2018
Amministrazione Trasparente
ULTIME NEWS

ESAMI AMMISSIONE 2018/2019 - ELENCO CANDIDATI AMMESSI
- VADEMECUM ESAMI AMMISSIONE 2018/2019 NB: I candidati agli esami di ammissione per la Scuola Popular Music , dovranno seguire la procedura ma, temporaneamente, non pagheranno nessuna delle tasse previste . TUTTI GLI ALLIEVI STRANIERI SONO TENUTI A SOSTENERE LA PROVA DI LINGUA ITALIANA Dettagli...



Archivio Notizie
COMUNICATO STAMPA - La colonna sonora che non c' 16 OTTOBRE 2017

La colonna sonora che non c’è

Zaza Desiderio – batteria

Yuri Goloubev – contrabbasso

Luigi Martinale – pianoforte

Concerto realizzato in collaborazione con Jazz Visions

Giovedì 26 ottobre 2017 ore 21.00

Cuneo, Conservatorio statale di musica “G.F. Ghedini”

Sala concerti “Giovanni Mosca”

Musiche di Luigi Martinale e di altri insospettabili autori

Chiusura in grande stile per la Stagione artistica del Conservatorio statale di musica “G.F. Ghedini” di Cuneo, che organizza per giovedì 26 ottobre 2017 alle ore 21.00 un concerto con vere star internazionali del Jazz. Luigi Martinale, Yuri Golubev e Zaza Desiderio s’incontreranno sul palco della sala Giovanni Mosca e sarà subito magia.

Si può essere nati a Rio de Janeiro, a Mosca o nella profonda provincia di Cuneo - spiega Luigi Martinale - ma quando si stacca il tempo e nell’aria le onde sonore si trasformano in sensazioni acustiche ogni distanza viene annullata.

Provengono infatti da mondi diversi e distinti tra loro i tre artisti impegnati nel concerto: Luigi Martinale, docente del Ghedini, nella sua carriera concentra l'aspetto espressivo del suo lavoro sia sul versante pianistico sia su quello compositivo e dell'arrangiamento, come testimoniano le sue numerose incisioni discografiche e le collaborazioni con artisti del calibro di Paolo Fresu, Gianni Coscia, Tom Kirkpatrick, Maria Pia De Vito e molti altri. Yuri Goloubev, moscovita, proviene dall’esperienza del grande del Teatro Bolshoi di Mosca e, successivamente, da quella di una delle più celebri orchestre da camera del mondo, I Solisti di Mosca di Yuri Bashmet. Insignito nel 2002 dal Governo Russo del prestigioso titolo di Artista ad Honorem della Federazione Russa, si dedica al jazz dal 2004 collaborando con i più grandi nomi della scena internazionale. Zaza Desiderio, nato a Rio de Janeiro nel 1980, all’età di sedici anni, inizia a suonare professionalmente. Batterista tra i più ricercati della scena brasiliana, collabora con artisti come As Milton Nascimento, Alma Thomas, Yamandu Costa, Raul de Souza, Idriss Boudrioua, Maria Gadu, e molti altri. Luigi Martinale è l’autore delle musiche di questo concerto, che scrive rivolgendosi alla grande lezione del jazz, senza disdegnare altre influenze musicali. Con la tecnica impeccabile e l’innata capacità comunicativa di Yuri Goloubev e Zaza Desiderio, la musica di giovedì 26 ottobre si colorerà in modo inaspettato, trasformandosi... in una colonna sonora che non c’è.

Il concerto è organizzato in collaborazione con la stagione 2017 di Jazz Visions.

Torna indietro