Ammissioni 2019/2020
Corsi per il Conseguimento dei 24 CFA
Corsi Pre-Accademici, Propedeutici e di Base
Corsi Accademici I e II Livello
Manifesto degli Studi
Didattica della Musica I e II Livello
Scuola di Musica Elettronica
Erasmus
Masterclass 2019
Stagione artistica 2019 - Autunno
ULTIME NEWS

MASTERCLASS 2019 prospetto titoli e date in ordine cronologico
Kennet Hamilton:  22 Novembre 2019 Masterclass pianoforte Locandina  -  Modulo Iscrizione Interni  -  Modulo Iscrizione Esterni -----    Luca Ripanti:  29 e 30 Novembre 2019 Masterclass flauto (29 Novembre 2019) e tutti gli strumenti Dettagli...



Archivio Notizie
STAGIONE ARTISTICA 2019


Il Conservatorio “Ghedini” è orgoglioso di poter presentare la sua nuova Stagione artistica 2019, divisa in due parti:

primavera (da Marzo a Giugno 2019)

Sono evidenti la qualità e la quantità degli appuntamenti: artisti prestigiosissimi, quali i pianisti pierluigi Camicia e ingo dannhorn, l’acclamatissimo duo dego-leonardi, l’organista pieter van dijk, la compositrice annette vande gorne e molti altri, porteranno a Cuneo il livello altissimo delle loro professionalità artistiche.
il Quartetto pianistico italiano, formazione atipica e accattivante, festeggerà con noi i suoi trent’anni di attività, ricordando che proprio dalle aule di via roma iniziò a muovere i primi passi. 

Tutto questo, da un lato, ci permette di offrire alla collettività cuneese una rassegna di “contenuti” musicali che si caratterizza come un unicum nel panorama provinciale; dall’altro, in una prospettiva squisitamente didattica, la presenza di grandi concertisti impegnati anche in masterclass dedicate ai nostri studenti, costituisce un’impagabile occasione formativa.

Novità della Stagione artistica 2019 è una serie di incontri “divulgativi”, in cui si parlerà di musica con ascolti guidati, lasciando spazio alle curiosità del pubblico. Queste “Note a margine”affronteremo grandi temi di musica “classica”, ma anche la storia del Jazz, del pop e di quella nuova musica che per tanti di noi si presenta ancora ostica.

Continua la tradizione degli eventi “fuori porta”: il dipartimento metS è stato invitato al prestigioso ZKm di Karlsruhe, in germania. I nostri compositori elettronici saranno al centro di uno dei palcoscenici europei più importanti per le arti multimediali.

La prima parte della stagione culminerà nell’esecuzione del requiem di mozart (Cattedrali di Cuneo il 10 giugno e di alba il 12 giugno e Sacra di San michele il 6 luglio), una delle più alte meditazioni sul destino umano che siano mai state concepite; qui la musica dispiega tutte le sue potenzialità: si fa lamento, desiderio, dramma, nostalgia…, ma anche gioco e commedia (nel senso più nobile), storia e pensiero.

Vi aspettiamo!

Il Direttore Alberto Borello 

Il Presidente Francesco Villani

estate-autunno (da Settembre a Dicembre 2019)

Riprendiamo la stagione artistica del Conservatorio dopo la pausa estiva, elettrizzati per il generale e costante successo di pubblico e in particolare per l’accoglienza a dir poco entusiastica riservata al “nostro” Requiem di Mozart nei concerti che hanno avuto luogo a Cuneo, Alba e alla Sacra di San Michele. La serata valsusina è stata oggetto di una ripresa video integrale ad opera di Rete 7 (con la presa dell’audio curata dal nostro Dipartimento METS) e trasmessa su tutto il territorio nazionale, oltre che in streaming mondiale sul web. Proprio l’ultimo capolavoro mozartiano sarà ripreso ancora una volta quest’autunno: ad attenderci sarà la Cattedrale di Savona con il suo pubblico.


La fortunata serie di incontri divulgativi “Note a margine” continua con molti appuntamenti: si parlerà ancora di grandi del jazz, ma si omaggeranno con conferenze-concerto anche importanti compositori sia classici, come Mauro Giuliani, che contemporanei, come Bruno Bettinelli, la cui impronta ha caratterizzato la formazione di tanti altri grandi del Novecento; alla serata in suo onore presenzierà la moglie del Maestro, Silvia Bianchera. Dedicheremo una serata anche a un gigante come György Kurtág e in un altro appuntamento cercheremo di tratteggiare un ritratto della Cuneo musicale nella Belle Époque, grazie alle ricerche minuziose dell’amico musicologo Francesco Bigotti.

Prende il via una mini-serie di concerti denominata “A due voci”, nella quale alcuni degli strumenti musicali insegnati nel nostro Conservatorio sono esplorati in duo “allo specchio” con se stessi ( quest’anno due violini, due violoncelli, due chitarre), ad opera di nostri Docenti, nostri brillanti ex-studenti e anche ospiti d’eccezione, come il violinista Cristiano Rossi.

Continuano le collaborazioni sistematiche con realtà musicali del territorio e non solo: dall’Associazione Sicut Lilium, con la quale, oltre alla collaborazione per la realizzazione di un’installazione interattiva sul tema della salvaguardia dell’acqua e dell’ambiente, gli studenti METS hanno registrato un cd che verrà pubblicato dall’etichetta giapponese Da Vinci Classics, alla torinese Rive Gauche, con cui si è giunti al secondo anno di collaborazione per co-progettare e ospitare a Cuneo un evento del festival Musiche in Mostra; dall’Accademia Maghini, di cui, come negli anni scorsi, ospitiamo un evento nell’ambito del Festival Back to Bach (quest’anno il recital del pianista scozzese Kenneth Hamilton), a Jazz Visions, con cui si presenterà al pubblico cuneese della Fiera del Marrone un interessante esperimento di contaminazione tra classica e jazz architettato nelle aule del Ghedini.

In questa stagione autunnale 2019 il Conservatorio inizia inoltre a collaborare in maniera più assidua con VARCO-Auditorium Foro Boario, nei cui spazi saranno ospitati ben tre eventi della nostra Stagione: una performance di improvvisazione elettronica del collettivo bolognese Minus e degli studenti METS che accompagnerà quella di action painting dal vivo del pittore cuneese Cesare Botto, cui rendiamo omaggio per i suoi ottant’anni, il concerto inaugurale del nuovo sintetizzatore modulare del Conservatorio con, sul palco, una rappresentanza della community di artisti che operano con synth modulari sulla scena locale e nazionale, e infine una serata di omaggio a Luigi Tenco, costruita intorno ad una delle voci più importanti del Jazz italiano, quella di Tiziana Ghiglioni.

A novembre, come di consueto, il Teatro Toselli ospiterà l’inaugurazione dell’Anno Accademico. In questa occasione verrà consegnato ad uno dei nostri studenti il “Premio Ghedini”; madrina d’eccezione della serata sarà la nipote del grande compositore, Laura Ghedini, che quest’anno ha destinato il premio al nostro Conservatorio.

Vi aspettiamo, come sempre, numerosi!

Il Direttore Alberto Borello

Torna indietro